Mercato immobiliare di lusso: i principali trend di New York

I principali trend del mercato immobiliare di lusso di New York.

Il mercato del lusso, a New York come nel resto del mondo, segue un andamento a sé. Il  Savills World Cities Prime Residential Index ci aiuta a capire la forza della proprietà residenziale di prima qualità, indicando le principali previsioni residenziali per 30 città del mondo, tra cui New York. 

Grazie a questa overview del mercato prime a gennaio 2021, osserviamo che la crescita media per le città prese in esame dall’indice è prevista all’1,6% per il 2021. Come riportato nell’articolo, possiamo osservare che il sentiment generale sta migliorando perché, nonostante le incertezze che ancora persistono, si prevede che la proprietà residenziale prime quality rimanga attiva sul mercato.

Per quanto riguarda New York, il mercato luxury ha registrato una tendenza al ribasso negli ultimi anni a causa dell’eccesso di offerta: l’arrivo della pandemia ha causato, tra le altre cose, un abbandono – seppur temporaneo – della vita nel cuore della città, ovvero nelle zone più densamente popolate. 

La domanda che l’analisi Savills si è posta è se questa tendenza rimarrà anche nel lungo termine, o se si tratta di una modalità temporanea: a gennaio, le previsioni della crescita del valore del capitale residenziale a New York nel 2021 erano da -5,9% a 4%. 

Come vedremo di seguito, l’aumento della domanda nel mercato del lusso a New York ha superato le previsioni fatte a inizio anno.  

I trend mondiali del mercato immobiliare di lusso.

 

New York: mercato immobiliare “prime” tra crisi e ascesa

Il crollo del mercato Condo e Coop di Manhattan risale al 2019, quando il prezzo di vendita medio si è aggirato intorno ai 1,06 milioni di dollari, mentre il prezzo medio di vendita degli appartamenti ha chiuso l’anno a 1,93 milioni. Bisogna tenere presente che, anche se i prezzi sono diminuiti a livello complessivo, il prezzo medio per piede quadrato è aumentato dello 0,4%.

Dal 2018 tutto il comparto immobiliare ha vissuto un calo fisiologico a NYC: il luxury ha poi sofferto maggiormente per l’abbondanza di offerta sul mercato, segnando valori che oltre a un calo fisiologico, hanno visto un’ ulteriore discesa dovuta alla crisi causata dal Covid.

Nella tabella sottostante possiamo vedere gli anni durante i quali i valori immobiliari sono saliti a New York:

Il valore degli immobili a New York.

Il luxury pre-Covid: l’andamento a livello mondiale 

E per quanto riguarda il mercato del lusso? Quando la pandemia ha sorpreso New York e il mondo intero, questo comparto era già in crisi, come possiamo osservare anche dai dati presentati nel grafico sottostante, dal quale emerge che i mercati residenziali del lusso – in molte città del mondo – hanno rallentato la loro crescita già nel 2018 rispetto all’anno precedente. 

Il valore delle proprietà di lusso è cresciuto a un tasso dell’1,3% nel 2018, il tasso di crescita annuale più basso dell’indice in otto anni, rispetto al 2,1% del 2017. I primi 10 mercati con gli aumenti annuali più elevati presentavano un mix di paesi asiatici, europei, sudamericani e nordamericani: tra questi, però, non era presente New York. 

Andamento del mercato immobiliare di lusso a Londra, New York, Hong Kong.

La ripresa del mercato prime a New York

Come osserviamo nel grafico  sopra, a New York il crollo c’è stato proprio tra il 2018 e il 2019, motivo per cui il Covid ha trovato questo comparto della Grande Mela già in discesa. 

Oggi, più di un anno dopo, i dati relativi alla domanda rappresentano un segnale interessante: per esempio, ad aprile, è stato raggiunto un record di acquisti raddoppiando quasi mese per mese, proprio come analizzato anche da Mansion Global.

Nei primi quattro mesi del 2021, infatti, le transazioni di case di lusso a Manhattan hanno superato il totale del 2020: da gennaio a inizio maggio, gli acquirenti hanno firmato 694 contratti per case da  4 milioni di dollari o più, superando quindi il totale dello scorso anno. 

Analizzando i dati del comparto, osserviamo che le vendite fatte ad aprile del 2021 registrano un record che non si vedeva da marzo del 2013.

Osserviamo questi acquisti un po’ più da vicino: per esempio, l’immobile più costoso acquistato è stato un attico nel Financial District – un duplex con cinque camere di 557 metri quadri con terrazza esterna di 46 metri quadri – venduto a 25 milioni di dollari, e una Townhouse nel West Village, comprata per 20 milioni di dollari. 

Siamo ancora ben lontani dal poter dire che il mercato prime a New York si è ripreso ma, dati alla mano, possiamo confermare che è aumentata la mole di transazioni di acquisto: la discesa dei prezzi dal 2018 ad oggi sta facendo avvicinare nuovamente gli acquirenti anche perché,  durante il 2020, i proprietari di immobili luxury da molto sul mercato si sono decisi a “scendere a compromessi”. 

Un caso concreto che racconta bene questa condizione è la vendita dell’attico del figlio dello stilista Ferragamo: una proprietà  nell’Upper East Side, in un edificio in stile georgiano degli anni ‘20. Messa sul mercato due anni fa a 18 milioni. Dopo aver subito vari ribassi,  l’immobile è stato  venduto per 11 milioni di dollari. 

Il mercato immobiliare luxury a New York oggi, tra grattacieli e spazi residenziali di alta qualità 

Per comprendere come si sta muovendo oggi il mercato prime a New York, possiamo guardare un po’ più da vicino sia i prezzi quali sono i quartieri più costosi di Manhattan e i valori medi nei distretti.

Luxury 2021: quali sono oggi i quartieri più costosi di New York?

Noho, nella parte bassa di Manhattan, è ad oggi il quartiere più costoso della Grande Mela, con un prezzo di vendita medio di 3,25 milioni di dollari. Questo, anche perché c’è stata una vendita massiccia  di nuove costruzioni di alto lusso in condomini, come ad esempio il 40 di Blecker Street.

Seguono Hudson Yards e Tribeca con, rispettivamente, un prezzo medio di vendita di 3,2 milioni di dollari e 3,15 milioni. La cinquina procede con Central Park South, prediletto dai miliardari, e il Theatre District

Il dato mediano di vendita nei cinque distretti di New York mette in testa Manhattan (1.160.000 dollari), seguito – come possiamo ben immaginare – da Brooklyn (900.000 dollari), dal Queens (605.000 dollari), Staten Island (550.000 dollari) e infine il Bronx (519.000 dollari). 

In particolare, è interessante osservare come a inizio maggio 2021, a Brooklyn sono state vendute quarantasei case con prezzo da almeno 2 milioni di dollari, tra le quali hanno primeggiato le Townhouse.  

Partecipa alla discussione

Confronta annunci

Confrontare
Ricerca
Altre caratteristiche

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti e resta aggiornato sulle novità del mercato immobiliare